Get Adobe Flash player
Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Sessanea - Barbera D'Asti DOCG 2009 Superiore Etichetta Bianca

Etichetta selezionata fra i Vini da non perdere nella Guida ai Vini Buoni d’Italia 2016.


Una maestosa Barbera ricca di frutti rossi, sottobosco e pellame nobile.

 

Gusto morbido appoggiato su una decisa ed elegante struttura, che non contrasta con una beva estremamente piacevole.


 

Moscato d'Asti DOCG

Moscato d'Asti DOCG

TIPOLOGIA Vino bianco, dolce
DENOMINAZIONE Moscato d'Asti DOCG
ZONA di PRODUZIONE Langa Astigiana
Moscato b


Confezione 1 Bottiglia Confezione 2 Bottiglie Confezione 6 Bottiglie
astuccio1bassa Scatola 2 bottigliebs scatola 6bottigliebs

VITIGNO
Il Moscato bianco è coltivato fin dal XIII secolo sulle colline piemontesi, dove ora, in circa 100 comuni del Basso Piemonte, si produce la DOCG Moscato d'Asti. Il grappolo è di media dimensione, alato e compatto, con acini rotondi dalla buccia consistente e dal colore giallo dorato, a volte ambrato, con maculature brune.
VIGNA
La Vigna delle Rose si estende su un dosso collinare dove il terreno, il drenaggio, il grado di insolazione permettono di ottenere un ottimo rapporto tra zuccheri, acidi e sostanze aromatiche, tipico del Moscato d'Asti.
LAVORAZIONI
Il terreno viene lavorato nel rispetto dell'ambiente con interventi meccanici e impiego di sostanze biocompatibili. Non si effettua alcun tipo di diserbo chimico.
VENDEMMIA
La vendemmia avviene di solito nella seconda decade di settembre, quando i grappoli giallo-dorati cominciano ad attirare gli insetti attratti dal tipico profumo.
VINIFICAZIONE
Appena raccolta, l'uva è avviata ad una pressatura leggera per conservare gli aromi e i profumi  e quindi raccolta in vasche d'acciaio. Qui il mosto è conservato a temperature inferiori alo zero perché non fermenti e qui rimane fino a quando non sarà avviata la fermentazione semplicemente alzando la temperatura per permettere ai lieviti di trasformare gli zuccheri in alcol. Al raggiungimento del 5% di alcol si ottiene il prezioso equilibrio tra zuccheri, acidità, tenore alcolico, aromi e consistenza che fanno del Moscato d'Asti un vino unico.
IMBOTTIGLIAMENTO
Abbassando nuovamente la temperatura la fermentazione viene interrotta e il Moscato è pronto per essere filtrato e imbottigliato. L'anidride carbonica che si è rpodotta in modo naturale viene trasferita in bottiglia durante l'imbottigliamento ed è quella che permette al Moscato d'Asti di esprimere delicate e persistenti bollicine. Grazie a progedimenti rigorosi, pur nella loro semplicità, ogni bottiglia sprigiona all'apertura l ecartateristiche dei grappoli maturi sulla pianta.
 
 
CARATTERISTICHE
Il Moscato d'Asti è un vino fresco, limpido, di colore giallo paglierino brillante. La leggera effervescenza dovuta all'anidride carbonica favorisce la liberazione delle sostanze volatili evidenziando i profumi: dalla dolcezza del miele alla freschezza pungente degli agrumi. Al gusto si colgono aromi intensi e persistenti e la dolcezza è piacevolmente attenuata da un aleggera vivacità. Sembra di masticare qualch eacino succoso.
DEGUSTAZIONE
È un vino che si apprezza giovane, nell'annata della vendemmia, e fresco ad una temperatura intorno ai 10 gradi. Profumato, dolce e aromatico, va servito nella classica coppa Asti, dal calice basso e largo, adatto a esaltarne l'intensità.
ABBINAMENTI
Questo vino comunica subito l'idea della festa, del pranzo tradizionale che si conclude con tanti buoni dolci. Ottimo con le crostate di frutta e marmellata, con i dolci da forno a base di mandorle e nocciole. Soprende anche con i dolci al cioccolato come il tipico Bunet piemontese, le macedonie di frutta, le fragole e i lamponi. Ottimi i gelati e le granite al Moscato d'Asti. Consigliato l'abbinamentocon piatti di pesce al forno e formaggi, sia freschi, sia stagionati.
 

Login Form